Sconfitta amara ad Oriolo

Tra i pali prende posto G. Serra. Le corsie laterali difensive sono presidiate, come di consueto, da F. Serra e Straface, mentre la coppia dei centrali di difesa è composta da Gabriele e Cannizzaro. A centrocampo, da destra verso sinistra, operano Chimento, A. Bruno, Scalise e Sammarro, in avanti le punte sono S. Paldino  e Canadè.

Nella prima frazione di gioco la manovra della formazione granata è pesantemente condizionata da un fortissimo vento contrario che impedisce agli uomini di mister Oriolo di sviluppare con profitto le proprie trame offensive. La gara risulta fin da subito molto spigolosa ma estremamente corretta nonostante l’altissima posta in palio. Già al 5’, però, arriva la prima doccia fredda. Approfittando di un lungo lancio proveniente dal cerchio di centrocampo il numero 10 avversario, in evidente posizione di fuori gioco, si presenta solo davanti all’estremo difensore granata e lo fredda con un preciso rasoterra. Il copione si ripete 3 minuti più tardi quando è il numero 8 di casa ad involarsi verso la porta granata e a depositare in rete alle spalle dell’incolpevole G. Serra. Anche in questa circostanza, però, l’azione della formazione di casa è viziata da una netta posizione di offside non rilevata dal direttore di gara. Sotto di due reti la formazione granata si spinge in avanti con grande determinazione alla ricerca della rete che riaprirebbe il match. Nonostante la buona reazione, i granata non riescono tuttavia a creare seri pericoli alla retroguardia avversaria che, con il favore del vento, riesce ad allontanare con discreta facilità ogni minaccia alla propria porta. Al 30’ arriva anche la terza marcatura dell’Oriolo, questa volta propiziata da un errato disimpegno della retroguardia granata. Ad approfittarne è il n. 7 avversario che dal limite dell’area di rigore sandemetrese fa partire un preciso rasoterra che si insacca alle spalle dell’incolpevole G. Serra. Dieci minuti più tardi è la Sandemetrese che prova a colpire con un’azione di rimessa ma prima Canadè e, sul successivo rimpallo, A. Bruno non riescono ad inquadrare la porta avversaria. Si va così al riposo con il punteggio che vede la Sandemetrese sotto per 3-0.

Nella ripresa la formazione granata parte con piglio decisamente diverso. Al 46’ Straface si invola lungo l’out di sinistra e mette in mezzo un morbido traversone che Canadè, appostato al centro dell’area, non riesce sfruttare, spedendo la sfera alta sopra la traversa. Al 50’ è bella la triangolazione nell’area di rigore avversaria tra Sammarro e Paldino con conclusione di quest’ultimo che viene sporcata da un difensore dell’Oriolo. A questo punto mister Oriolo decide di operare la prima sostituzione facendo entrare in campo al posto di un impalpabile Chimento il giovane Scura che si colloca sulla linea degli attaccanti. La mossa pare azzeccata perché l’ingresso del giovane attaccante conferisce più brio alla manovra offensiva con l’effetto di mettere più volte in difficoltà la retroguardia avversaria. Al 60’una conclusione a botta sicura di Paldino dall’interno dell’area di rigore avversaria è deviata, forse con un braccio, da un difensore della formazione di casa. In occasione del successivo tiro dalla bandierina è Scalise ad impegnare severamente l’estremo difensore avversario con un preciso e potente colpo di testa. La pressione della Sandemetrese si fa sempre più insistente e, per dare più incisività alla manovra, mister Oriolo decide di gettare nella mischia Bellucci al posto di uno spento Cannizzaro. Al 65’Scura va via sulla fascia al proprio marcatore, converge verso il centro e lascia partire un velenoso rasoterra che costringe il portiere avversario ad una difficile deviazione in angolo. E’ il preludio al gol che arriva al minuto 66 per merito del giovane Canadè, lesto a sfruttaredi testa un traversone di Straface dalla fascia laterale sinistra. Complice anche un po’ di stanchezza, con il passare dei minuti la spinta della formazione di mister Oriolo si spegne progressivamente e, al minuto 75, la squadra di casa segna la quarta rete, con un tiro da fuori area del proprio n. 10 che finisce la propria corsa sotto l’incrocio dei pali della porta difesa da G. Serra. E’ la rete che chiude l’incontro. A rendere meno rotondo il punteggio arriva al minuto 81 la seconda rete della Sandemetrese con S. Paldino che conclude con un chirurgico destro dal limite dell’area di rigore una bella azione personale. Prima del triplice fischio mister Oriolo decide di concedere qualche minuto anche a F. Bruno, D. Liguori e R. A. Bartolini, quest’ultimo all’esordio assoluto con la maglia della Sandemetrese, in luogo rispettivamente di Sammarro, A. Bruno e Straface.

Negli altri incontri il Cerchiara si impone sul Sibari per 2-0, il Rocca Imperiale si aggiudica la sfida interna con il Calopezzati per 2-0, stesso punteggio in favore dello Schiavonea nel campo del Mandatoriccio. Il Cropalati vince di goleada sul Campana per 7-0, mentre il Bocchigliero vince per 3-0 a tavolino sulla Pietrapaolese non presentatasi a disputare l’incontro. In classifica guida sempre lo Schiavonea con 52 punti, seguito dal Cropalati a 6 lunghezze. Più staccate Sibari (37) e Rocca Imperiale (36), mentre l’Oriolo (32) scavalca la Sandemetrese (29) per l’ultimo posto utile per i playoffs.